martedì 24 settembre 2013

Frocio recidivo confessa «voto il M5S perché non vedo alternative»

emendamento-gitti-legge-trans-omofobia-m5s

Bentrovati cari telespettatori di Larghe Intese News. All'indomani del voto alla camera in cui venne approvato l'ambiguo sub-emendamento Gitti, che potrebbe rendere più amena ai parlamentari, a qualunque membro di organizzazioni religiose e appartenente ad una qualche carica rappresentativa la possibilità di esprimere opinioni, anche talvolta discriminanti, sulle persone in base alla razza - siano essi negri, musi gialli, argentini di merda o terroni - e di dare del frocio a qualunque checca che vedano per strada - Giovanardi potrà insultare il prossimo - tutto per difendere la pluralità di idee che noi di Larghe Intese News sappiamo essere fondamentale in un governo del genere, abbiamo intervistato il cittadino Flavio - che per ovvi motivi non si chiama Flavio, il nome è inventato per salvaguardare la sua identità -, e dato che crediamo appartenga alla minoranza dei gay gli abbiamo chiesto un parere: