lunedì 8 agosto 2016

Il Demogorgone renziano e il giornalismo italiano


Sappiate che ho impiegato più tempo a fare questa scritta basata sul logo di Stranger Things che a scrivere il post. Il che vi fa capire quanto io sia cretino, ma vi fa venire voglia di condividere il post all'istante. Tanto siamo ad agosto, chi ha voglia di leggere? (volevo anche aggiungere la musica della sigla ad inizio post, ma una voce sulla mia testa ha detto "sì, e poi?? offriamo pure il caffè a ogni lettore?").

Sabato sera Scanzi è finito nei Trending Topic di Twitter perché il suo post carico di insulti contro Filippo Sensi ha suscitato un'ondata di indignazione che, per carità, per quanto sia legittima e condivisibile, non fa altro che confermare quello che in tanti sappiamo di Scanzi da svariati anni a questa parte, così come ogni insulto personale conferma non tanto chi lo riceve quanto chi lo proferisce.

Quello che però trovo curioso è che alcuni tra i commentatori più indignati siano gli stessi sinceri democratici che chiudono un occhio quando lo scanzi si manifesta nella loro barricata politica. Insomma, tutta questa indignazione non la vedo quando Rondolino, Gramellini, Soncini, Riotta, Adinolfi, Rocca e tanti altri giornalisti italiani provocano o, peggio ancora, mentono.